Al via le prime grandi mostre di Parma 2020

Il programma di Parma 2020, fondendo patrimonio, cultura e creatività internazionali, si sviluppa tra mostre, installazioni, produzioni, laboratori, aperture straordinarie, convegni, musica e open call, tra antichi luoghi e distretti contemporanei.

Durante la tre giorni di inaugurazione, aprono le porte le prime tre grandi esposizioni che spianano la strada al vasto programma che si svilupperà durante l'anno 2020. 

Noi, il cibo, il nostro pianeta: Alimentiamo un futuro sostenibile 

Sabato 11 gennaio - dalle 11:00 alle 13:00 presso i Portici del Grano e a seguire presso Galleria San Ludovico e Spazio A.

Ambiente, cibo e sostenibilità in un percorso espositivo pensato per coinvolgere e interagire con i visitatori, attraverso esperienze multimediali, aree didattiche e fotografie di grandi autori. Un approccio multidisciplinare al tema del cibo e alle sue dimensioni - ambientale, economica e sociale – per costruire insieme il benessere e la salute delle persone e del nostro Pianeta.

Una mostra prodotta da Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition in collaborazione con National Geographic Italia 

Per maggiori informazioni visitare la pagina: Noi, il cibo, il nostro pianeta: Alimentiamo un futuro sostenibile 

Time Machine. Vedere e sperimentare il tempo 

Domenica 12 gennaio - Vernissage dalle 18:30 alle 19:30 presso il Palazzo del Governatore

Lunedì 13 gennaio  -  apertura gratuita straodinaria del Palazzo del Governatore in occasione dell'inaugurazione di Parma 2020

Time Machine esamina il modo in cui il cinema e altri media fondati sulle immagini in movimento hanno trasformato nel corso degli ultimi 125 anni la nostra percezione del tempo, attraverso una serie di tecniche di manipolazione temporale: dall'accelerazione al ralenti; dal fermo immagine al time-lapse; dalla proiezione a ritroso, al loop e alle infinite varianti di quella operazione cinematografica fondamentale che è il montaggio.

Cinema, video e videoinstallazioni proposte dunque come vere e proprie “macchine del tempo”, secondo tre diverse accezioni: come media capaci di registrare, archiviare e ripresentare fenomeni visivi e audiovisivi; come media che rendono possibili diverse forme di viaggio nel tempo; infine, come media che operano diverse forme di manipolazione temporale. È quindi un’esposizione legata a doppio filo al claim di Parma2020: la cultura batte il tempo

Nata da un’idea dell’assessore alla cultura di Parma, Michele Guerra, l’esposizione è curata da Antonio Somaini, professore di teoria del cinema, dei media e della cultura visuale alla Sorbona, con le esperte di cinematografia Eline Grignard e Marie Rebecchi.

Per maggiori informazioni visitare la pagina: Time Machine. Vedere e sperimentare il tempo

Parma è la Gazzetta. Cronaca, cultura, spettacoli, sport: 285 anni di storia 

Lunedì 13 - dalle 16:00 alle 17:00 presso Palazzo Pigorini 

Un viaggio attraverso i tre secoli di storia della ""Gazzetta"", il più antico quotidiano italiano pubblicato con continuità a partire dal 1735, e la parallela storia della città di cui porta il nome.

Una mostra prodotta da Gazzetta di Parma a cura di Claudio Rinaldi e Giancarlo Gonizzi

Per maggiori informazioni visitare la pagina: Parma è la Gazzetta. Cronaca, cultura, spettacoli, sport: 285 anni di storia.

"

ITA