Hackability4Tourism, inclusione e fruibilità culturale.
Il progetto incluso nel programma di Parma 2020+21

Hackability4Tourism è un progetto organizzato dall'Associazione On/Off e dal FabLab Parma in collaborazione con Hackability e Art-ER, con il patrocinio del Comune di Parma e il contributo di Fondazione Cariparma con l'obiettivo di migliorare la fruibilità delle istituzioni museali e dei luoghi della cultura da parte di persone con disabilità e bisogni particolari in occasione di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020+21.

Come ha dichiarato Francesca Velani, Coordinatrice di Parma 2020+21, durante all'evento online La Fruibilità della Cultura per Parma 2020+21, organizzato per il rilancio del progetto H4T nella sua versione completamente online: “La cultura è fondamentale per la crescita, il sostegno e la resilienza delle comunità. In una fase di disgregazione come quella che stiamo vivendo, la cultura diventa motore e energia che ci aiutano a tenere insieme le comunità di tutti i tipi, grandi e piccole. Le parole inclusione e accessibilità sono più importanti che mai in questo momento, per cercare di creare modelli e strumenti e metodologie che aiutino la cultura ad arrivare a tutti sempre di più. Hackability4Tourism sposa e amplifica gli obiettivi del progetto di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020+21, soprattutto per la parte dedicata all'apertura ai nuovi pubblici e di innovazione di processo: per essere accessibile a tutti, un messaggio deve essere pensato e presentato in maniera diversa”.

Il 31 gennaio 2021 si è conclusa la prima fase che ha visto una chiama all’azione, attraverso le due call previste dal progetto, di designer, artigiani digitali e operatori culturali (Call4Skills) e persone con disabilità e bisogni particolari (Call4Needs), che lavoreranno in team alla creazione di soluzioni concrete che migliorino la fruibilità del Museo dell'Opera della Casa della Musica e la Casa del Suono di Parma.

Delle molteplici candidature ricevute i partecipanti selezionati saranno 31 persone, di cui 14 NEED (persone con disabilità) e 17 SKILL (designer/maker, ecc.), costituendo almeno 5 team di lavoro, divisi fra Parma e Piacenza. La coprogettazione avverrà ovviamente da remoto, sfruttando piattaforme dedicate e specifici tool sviluppati ad hoc per favorire la partecipazione attiva da parte di ogni membro del team alla fase di ideazione e creazione.

La prossima fase partirà il 06 e 07 marzo con il Kick Off dei progetti realizzati dai team.


ITA