Accademia Nazionale di belle arti e archivio

Aperta su prenotazione contattando il tel. +39 3497853809 oppure +39 335333309.
Luoghi culturali


Viale Toschi, 1 - 43121 - Parma
+39 0521282270


L'Accademia trae origine da una scuola privata di pittura detta Lombarda, riconosciuta nel 1752 da Don Filippo di Borbone e da questi trasformata in Accademia nel 1757.

Ad insegnare pittura, scultura e architettura furono chiamati E. A. Petitot, G. B. Boudard, Antonio Bresciani, Giuseppe Baldrighi. Famosi restano i concorsi accademici banditi senza interruzione dal 1759 al 1796. In quello di pittura del 1771 partecipò anche Francesco Goya, che fu l'unico segnalato dopo il vincitore, il vogherese Paolo Borroni. Soppressa nel 1802, l'Accademia venne ripristinata nel 1816 da Maria Luigia.

Lo scopo dell'Accademia, secondo l'ultimo statuto (1973), è quello di favorire l'incremento della cultura artistica e l'esercizio delle arti, promuovendo le iniziative atte a divulgarne la conoscenza. Importante ai fini di una storiografia artistica del Sette-Ottocento è il suo Archivio, che conserva saggi di architettura, disegni di nudo e parte di quelli di scultura. Abbelliscono la sede numerosi dipinti dell'800 parmense.

ITA
  • ITA
  • ENG
  • FR