Monastero e chiesa di San Giovanni Evangelista

Chiesa: aperta da lunedì a sabato dalle 8.30 alle 11.45 e dalle 15.00 alle 18.00; domenica dalle 15.00 alle 17.30.
Monastero: aperto lunedì, martedì, mercoledì, venerdì e sabato dalle 9.00 alle 11.30; chiuso giovedì e domenica. Funzioni da lunedì a sabato alle 10.30 e 19.00; domenica e festivi alle 10.00, 12.00 e 19.00.

Luoghi culturali


Piazzale S. Giovanni, 1 - 43121 - Parma
+39 0521235311
http://www.monasterosangiovanni.com/
info@monasterosangiovanni.com

Il complesso monastico di San Giovanni Evangelista è formato dalla Chiesa, dal Convento e dalla Storica Farmacia di San Giovanni.

Le origini risalgono al X secolo, anche se è la facciata barocca a definirne l'aspetto; il campanile sul lato destro fu aggiunto nel 1613. La chiesa, di retaggio classico, ha un impianto originario romanico, pianta a croce latina, e tre navate sulle quali si aprono sei cappelle.
Lungo la navata centrale corre il fregio del Sacrificio Ebraico e Pagano, disegnato dal Correggio e realizzato da F. M. Rondani. Sempre del Correggio le decorazioni degli emi-pilastri, il sottarco della V cappella, S. Paolo caduto da cavallo, le decorazioni della crociera e la cupola con il Transito di S. Giovanni e i Padri della Chiesa e gli Evangelisti nei pennacchi. Sempre all'interno è il Coro Ligneo opera di M. Zucchi e dei fratelli Gianfranco e Pasquale Testa (1556). La navata sinistra si distingue per interessanti lavori giovanili del Parmigianino.

Nel monastero benedettino, meritano una visita i tre chiostri, il primo con leggere colonne ioniche, il secondo cui si accede dalla sala capitolare, dove si trovano due affreschi del Correggio e il terzo o di San Benedetto, con affreschi del 1510 circa. La Biblioteca del Monastero presenta ambienti cinquecenteschi affrescati e possiede circa 20.000 volumi, tra cui codici miniati del '400 e del '500.

Dal 16 ottobre 2020 fino a dicembre 2021 all’interno della Chiesa è in mostra il Cristo RiVelato, opera in marmo dello scultore non vedente Felice Tagliaferri. La scultura riprende il famoso Cristo Velato di Napoli ed ha un profondo valore ideologico legato al duplice significato di “velato per la seconda volta” e di “svelato ai non vedenti”. Infatti attraverso speciali visite tattili sarà possibile far conoscere l’opera anche a chi ha come unico mezzo di conoscenza le proprie mani. Visite guidate a pagamento. Per informazioni e prenotazioni: Itinera Emilia info@itineraemilia.it 

ITA
  • ITA
  • ENG
  • FR