Casinetto dei Boschi di Carrega


Luoghi culturali


Via Olma, 2 - 43038 - Sala Baganza (PR)
+39 0521836026, fax +39 0521836369


Quando la Duchessa Maria Amalia di Borbone decise di trasferirsi nel padiglione caccia situato nei Boschi Ducali, assegnando al piccolo casino le funzioni di residenza ducale, affidò i lavori al Petitot, che dal 1775 al 1789, rielaborò l'edificio creando il Casino dei Boschi. Nel 1819 Maria Luigia d'Austria acquistò i boschi e il Casino, apportando notevoli cambiamenti alla tenuta ed all'edificio. L'architetto Bettoli aggiunse due ali laterali e il lungo colonnato al centro del quale venne posto il Casinetto, edificio con orologio e torre campanaria che un tempo ospitava il teatrino di corte.

Il Casinetto è oggi sede amministrativa del parco e ospita oltre agli uffici, una sala mostra e convegni, una biblioteca e una xiloteca, raccolta di campioni di diverse tipologie di legno. Il complesso monumentale del Casino dei boschi e il giardino ospitano anche manifestazioni ricreative e culturali, quali spettacoli teatrali, concerti e camminate. Il Parco monumentale prospiciente la Villa, conserva tracce dell'antica impostazione di Parco all'inglese. Disegnato da Barvitius tra il 1821 e il 1830, conserva una forma geometrica regolare che si innesta armoniosamente nella struttura del bosco. Nel disporre la vegetazione si è tenuto conto del colore che il fogliame assume nelle diverse stagioni, della natura dei rami e della luce. Il parco conserva alcuni esemplari monumentali, fra cui un tasso ed una sequoia nei pressi dell'edificio. La visita offre l'opportunità di conoscere la natura e la storia del parco e di ampliare l'itinerario alla visita del giardino della Villa del Ferlaro, non distante dal Casino dei Boschi.
Eventi e mostre collegate
ITA
  • ITA
  • ENG
  • FR