Ex farmacia San Filippo Neri

Fino al 30 novembre aperta venerdì e sabato dalle 16.00 alle 20.00.
E’ inoltre possibile prenotare visite guidate, che si organizzano prevalentemente nei giorni di venerdì, sabato e domenica al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti, scrivendo all’indirizzo congregazione@adpersonam.pr.it

Luoghi culturali


Vicolo San Tiburzio, 5 - 43121 - Parma



Nei primi anni del XVI secolo il frate francescano Francesco da Meda fonda la Congregazione della Carità, con lo scopo di prestare assistenza materiale e spirituale ai bisognosi. La Farmacia di San Filippo Neri fu costruita ed allestita così come la si vede ancora oggi nell'anno 1789. Si trova all'interno di Palazzo San Tiburzio, che dal 1588 è sede della Congregazione di Carità, un'organizzazione autonoma composta per metà da laici e per metà da presbiteri, nata per dare aiuto a persone bisognose di Parma, diventata ente pubblico all'inizio del secolo scorso e che ha poi cambiato nome prima in Iraia e quindi in Asp Ad Personam.

Nel 1652, la Congregazione decise di fondare una sua spezieria, destinata esclusivamente a produrre farmaci per i poveri ammalati di Parma, sempre concessi gratuitamente. Questo tipo di assistenza proseguì ininterrotta fino alla nascita del Servizio sanitario nazionale nella seconda metà del Novecento, quando ormai la Carità aveva spostato la sua attività soprattutto nell'assistenza agli anziani.

La storica Farmacia di Palazzo San Tiburzio funzionò come laboratorio galenico per 177 anni, fino al 1966, quando venne spostata in via Cavour e più tardi privatizzata.

I locali della Ex Farmacia della Congregazione della Carità San Filippo Neri consistono in due ampie stanze, unite da una stanza più piccola. La stanza d'ingresso ha il soffitto completamente dipinto e alle pareti vi sono alcune lapidi risalenti anche al XVII secolo, mentre in un'apposita nicchia si trova una Madonna con Bambino di manifattura francese e lampada votiva.

Da questa sala si accede anche ad un ampio cortile interno, un tempo attrezzato a giardino. Nella stanza di passaggio merita attenzione un artistico radiatore ad elementi orizzontali, funzionante, raro esempio di archeologia edilizia. La stanza più interna, con volta a crociera, racchiude l'originale bancone da lavoro fra due pilastri, un lavabo antico e pregevoli mobili tutt'attorno alle pareti e alle porte, con scaffalature e antine.

Accanto alla farmacia esisteva un oratorio dedicato a san Filippo Neri, sede ufficiale della Congregazione di Carità, dove ogni domenica i congregati si radunavano per assegnare aiuti economici ai poveri. Di questo spazio resta solo il vestibolo, che è oggi anticamera della Farmacia, con soffitto affrescato dal parmigiano Giacomo Giacopelli nel 1858. Le pareti sono stati più volte modificate e ridipinte nel tempo. Questo spazio è stato restaurato nel 1956 e ancora nell'estate del 2018, per favorirne l'apertura al pubblico.

Eventi e mostre collegate
ITA
  • ITA
  • ENG
  • FR